UNIVERSITA’: RALLENTANO LE ISCRIZIONI ALL’ALMA MATER

Un’impennata che questa volta non c’è, il segno più è meno marcato quest’anno accademico per l’Alma Mater di Bologna. Le nuove iscrizioni nell’ateneo bolognese fanno registrare un aumento modesto: +0,5%, dopo crescite che negli anni passati hanno toccato anche i 5 punti percentuali. Un numero basso ma non definitivo: c’è tempo fino ad aprile per perfezionare le iscrizioni che quindi si attende facciano segnare in realtà un +1,5%. Meglio, ok, ma la differenza c’è. Al momento, la sede di Bologna e’ ferma a un +0,6% mentre la Romagna si divide tra la crescita del 4,8% di Ravenna e il 2,2% in meno di Rimini. Tra i corsi di laurea, continua il calo delle triennali mentre aumentano ancora le magistrali e le lauree a ciclo unico. L’8% degli immatricolati ha cittadinanza estera e che il 62% dei nuovi iscritti arriva da fuori Emilia-Romagna. Andando a guardare le singole Scuole, si nota il deciso calo a Scienze politiche: -17,4% in totale. Scende anche Medicina. Dall’altra parte, in aumento, ci sono Farmacia-biotecnologie, Lingue straniere e Ingegneria-Architettura; e dopo il crollo dell’anno scorso, torna a crescere anche Giurisprudenza. Novità anche sul fronte delle tasse: con la riforma varata l’anno scorso, gli studenti esentati del tutto o in parte sono 33.400, vale a dire il 41% dell’intera popolazione studentesca dell’Ateneo (era il 20%). La riforma ha previsto l’innalzamento della ‘no tax area’ fino a 23.000 euro di Isee, piu’ una serie di riduzioni progressive sempre basate sul reddito.

You might also like More from author

Comments are closed.