TRASPORTI PUBBLICI: CALANO GLI UTENTI, MA NON IN E-R (DOVE INVECE AUMENTANO)

Veicoli privati, come le auto, o mezzi pubblici, ad esempio gli autobus: per gli italiani non è tanto un dilemma, visto che per andare al lavoro, durante il tempo libero o più semplicemente per andare a scuola scelgono i primi. A danno, è chiaro, soprattutto della qualità dell’aria che respiriamo. Ci sono però delle eccezioni: l’Emilia-Romagna, cuore della Pianura Padana ostaggio delle Pm10, è una di queste. I dati emergono da un’elaborazione del Centro ricerche Continental autocarro su dati Istat e ci dicono che negli ultimi 15 anni i passeggeri del trasporto pubblico locale sono calati di oltre il 10% nei capoluoghi di provincia. Roma e’ la città con il maggior numero di passeggeri annui, pari a quasi 1.200 milioni nel 2015. Seguono Milano, Torino e poi ancora Venezia, Genova, Napoli, Bologna, Firenze, Trieste e Brescia. Non tutte in calo, per fortuna: sotto le due torri, tra le altre, si è registrato un aumento. Ma più in generale è tutta l’Emilia-Romagna a essere in controtendenza rispetto al dato nazionale. Dal 2011 al 2015 la crescita di passeggeri e’ stata del 13,3%: qui da noi gli utenti annui dei mezzi pubblici nelle citta’ capoluogo sono passati da 187,12 milioni a 211,96 milioni. Ben sette su nove hanno fatto registrare un aumento, con picchio a Rimini (+65,1%) e Forli’ (+28,2%). Un calo e’ stato registrato solo nei comuni di Ravenna e Parma.

You might also like More from author

Comments are closed.