TICKET SANITARI: IN E-R IL 19,5% GODE DELL’ESENZIONE

Un residente su cinque in Emilia-Romagna gode dell’esenzione totale dal pagamento del ticket sanitario per motivi economici (quasi il 20% della popolazione). Tra loro sono compresi i bambini sotto i 6 anni e gli ultra 65enni con un reddito familiare che non superi i 36.151 euro all’anno, ma anche disoccupati e pensionati a basso e bassissimo reddito (cioè con meno di 8.263 euro all’anno). A confermarlo e’ l’Agenzia sanitaria e sociale della Regione Emilia-Romagna, che di recente ha pubblicato uno studio con dati riferiti al 2017. Nel rapporto si legge che un altro 35% ha diritto a riduzioni del ticket perche’ appartiene alla fascia di reddito RE1, a cui si aggiunge il 16,7% della popolazione in fascia 2 e il 3,1% in fascia di reddito 3. In Emilia-Romagna, solo l’8,8% dei residenti non gode ne’ di esenzione ne’ di agevolazioni per fascia di reddito. Le agevolazioni sul ticket, spiegano da viale Aldo Moro, possono variare a seconda delle fasce di reddito e del tipo di servizio erogato: in particolare, per gli esami specialistici, la riduzione sui ticket ammonta a 5 euro (se fascia 2) e 10 euro (in fascia 3). Per le visite mediche specialistiche variano da 18 a 23 euro; per gli interventi ambulatoriali (46 euro); Tac e risonanza magnetica (da 36 a 70 euro); pronto soccorso (25 euro); farmaci di fascia A (da 1 a 6 euro).

You might also like More from author

Comments are closed.