STRAGE 2 AGOSTO: CHIESTO RINVIO A GIUDIZIO PER L’EX NAR CAVALLINI

La Procura di Bologna ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex Nar Gilberto Cavallini, 64 anni, accusato, a quasi 37 anni di distanza, di concorso nella strage della stazione del 2 agosto 1980. Ora il Gip dovrà fissare la data dell’udienza preliminare. Per la strage sono condannati in via definitiva come esecutori materiali gli altri ex terroristi neri Francesca Mambro, Valerio Fioravanti e Luigi Ciavardini. Cavallini, all’ergastolo per altre vicende a Terni, dopo un’archiviazione nel 2013 per la strage, è tornato nel mirino degli inquirenti sulla base di un dossier presentato dall’associazione dei familiari delle vittime. A marzo la Procura gli ha notificato la chiusura indagine, Cavallini non ha chiesto di essere interrogato e il suo difensore ha presentato una memoria scritta. L’ipotesi dell’accusa è che Cavallini abbia partecipato alla preparazione della strage, fornendo ai condannati supporto e covi in Veneto. L’ex Nar sconta il massimo della pena per alcuni omicidi politici, tra cui quello del giudice Mario Amato, poche settimane prima della strage di Bologna. Fu l’ultimo della banda di terroristi a essere catturato, a Milano, nel 1983 e fu condannato per banda armata nello stesso processo che portò all’ergastolo Mambro e Fioravanti, mentre Ciavardini, minorenne all’epoca dei fatti, ebbe una condanna a 30 anni. Di recente la stessa Procura ha chiesto invece l’archiviazione per il fascicolo sui mandanti, rimasto contro ignoti, contro il parere dell’associazione dei familiari delle vittime: sarà il Gip a decidere se archiviare o meno.

You might also like More from author

Comments are closed.