SCONTRI A PIACENZA: IN MANETTE SOSPETTATI DI AGGRESSIONE AL BRIGADIERE

I presunti autori dell’aggressione di sabato scorso a Piacenza ai danni del brigadiere dell’Arma Luca Belvedere sono stati arrestati dalla Polizia e dai carabinieri. Si tratta di due persone che sono state individuate in seguito alle indagini delle Digos. Gli arresti sono scattati a Pavia e a Torino. Il primo avrebbe sottratto lo scudo al militare e poi lo avrebbe utilizzato per colpirlo più volte. Le indagini avrebbero inoltre accertato che il secondo manifestante, bloccato nella città della Mola, sarebbe la persona che, dopo aver percosso ripetutamente con l’asta di una bandiera i carabinieri che stavano fronteggiando il corteo, avrebbe fatto lo sgambetto al militare, facendolo cadere in terra. A loro gli investigatori sono risaliti grazie alle immagini che hanno immortalato i tafferugli di quel pomeriggio di ordinaria follia, quando la manifestazione contro l’apertura di una sede di Casapound in centro a Piacenza è degenerata negli scontri tra collettivi e forze dell’ordine. Quelle stesse sequenze video hanno portato a 11 denunciati – compresi i due arrestati – con vari capi di imputazione: rapina, lesioni aggravate in concorso, resistenza, minacce e violenza a pubblico ufficiale, istigazione a delinquere e violazione delle norme del testo unico di pubblica sicurezza sull’osservanza delle prescrizioni.

You might also like More from author

Comments are closed.