SANITA’ IN E-R: 180MILA MULTATI PERCHE’ PRENOTAZIONE NON DISDETTA

Una fotografia a sei mesi dall’entrata in vigore della legge regionale che impone di disdire una visita medica con almeno 48 ore di anticipo, un primo bilancio dei risultati prodotti arriva proprio da viale Aldo Moro, nel giorno in cui vengono presentate nuove misure per ridurre le liste d’attesa. E allora sono circa 180.000 gli emiliano-romagnoli che sono stati chiamati a pagare lo stesso il ticket per non aver disdetto in tempo la visita specialistica o l’esame, per un totale di circa 3,5 milioni di euro di sanzioni. A tanto stanno i numeri della misura voluta dalla Giunta Bonaccini proprio per tagliare le liste d’attesa: i numeri si riferiscono al periodo aprile – ottobre 2016. Non solo multe però: dall’assessorato alla sanità fanno sapere che c’è stata una riduzione, dal 7% all’1% del totale delle prestazioni, di coloro che non si sono presentanti alla visita senza disdire l’appuntamento. A ‘bigiare’ del tutto l’esame sono state circa 68.000 persone in sei mesi. A disdire l’appuntamento sono state invece ben 800.000 persone, ma circa 110.000 lo hanno fatto troppo tardi per evitare la sanzione, sostanzialmente pari al ticket per la prestazione (dunque in media una somma attorno al 20-30 euro). Stanno già arrivando le comunicazioni a casa dei pazienti, che avranno così modo di motivare eventuali condizioni di forza maggiore che, se valutate tali, non faranno pagare la sanzione.

You might also like More from author

Comments are closed.