SANITA’: DAL FONDO NAZIONALE 8MLD PER IL SISTEMA EMILIANO-ROMAGNOLO

Avviare le campagne vaccinali, ridurre le liste di attesa per i ricoveri chirurgici programmati, consolidare i servizi del fondo regionale per la non autosufficienza, ridurre il precariato e assumere nuovo personale. Sono questi alcuni degli obiettivi del riparto degli otto miliardi di euro disponibili per il servizio sanitario regionale dell’Emilia-Romagna: sono 64 milioni in più rispetto all’anno scorso. Le risorse sono destinate alla nostra regione dal Fondo sanitario nazionale, verranno girate alle Ausl e serviranno principalmente a coprire e implementare i Livelli essenziali di assistenza, ovvero tutte quelle prestazioni – visite, esami, cure – garantite, gratuitamente o con il pagamento di un ticket dal servizio sanitario regionale: 7,5 miliardi dunque per i Lea, ma tra le quote più significative vanno ricordate i 64 milioni per finanziare il sistema integrato Servizio sanitario-Università e 145 per sostenere la qualificazione dei servizi delle Aziende ospedaliere. E ancora, 81,7 milioni sono destinati all’acquisto di farmaci innovativi, tra i quali quelli oncologici e contro l’Epatite C. La delibera fissa, inoltre, in 320 milioni il concorso al complessivo finanziamento del fondo regionale per la non autosufficienza.

You might also like More from author

Comments are closed.