OMICIDIO DI BUDRIO: CONFESSA IL MARITO DI ANNA LISA CACCIARI

Alla fine ha confessato, ieri a tarda sera in caserma, messo alle strette dagli investigatori: è stato lui, il marito Athos Vitali, a uccidere Anna Lisa Cacciari, la pensionata ex fioraia 65enne trovata morta lunedì nella sua casa di Armarolo di Budrio, in provincia di Bologna. Alla base del gesto una discussione, pare per futili motivi, che ha avuto il tragico epilogo. La donna ha ricevuto due fendenti, fatali, con un coletto da cucina. Cade quindi l’ipotesi della rapina, inizialmente percorsa nelle indagini perché mancava il portafogli della donna, con 2-300 euro in contanti. La casa, isolata, poteva essere stata preda di un assalto criminale terminato nel peggiore dei modi. Vivo inoltre il ricordo, in quelle zone della bassa, degli omicidi e della caccia a Norbert Feher. Si tratta invece dell’ennesimo femminicidio in una regione che, dati recenti alla mano, vede 9 donne al giorno chiedere aiuto ai centri anti-violenza. A far cambiare idea agli inquirenti il racconto discordante del marito della donna sui suoi movimenti in corrispondenza con l’orario di morte della vittima, avvenuto tra le 7.30 e le 9.30 di lunedì mattina: interrogato per tutta la scorsa notte, l’uomo ha ceduto. In aiuto ai carabinieri, anche l’incrocio delle celle telefoniche e le immagini di alcune telecamere di video-sorveglianza. Athos Vitali ora è in carcere in attesa che il giudice convalidi l’arresto.

 

You might also like More from author

Comments are closed.