MALTEMPO: DISAGI IN TUTTA LA REGIONE, UN MORTO A CATTOLICA

Una giornata difficile, quella di ieri, sul fronte maltempo in mezza Italia; nella nostra regione si registra una vittima: si tratta di Mario Deriu, 63enne che nel pomeriggio si è avventurato in mare a Cattolica per fare kitesurf ma è stato gettato contro gli scogli dalla forte mareggiata. Alla tragedia hanno assistito da riva altri surfisti, i soccorsi portati immediatamente all’uomo si sono rivelati però inutili. Ma lungo tutta la Riviera la forza della natura si è fatta particolarmente sentire: l’allerta rossa lanciata dalla protezione civile per il litorale ravennate e ferrarese si è rivelata corretta, le case adiacenti la costa sono state protette da sacchi di sabbia, il forte vento ha scagliato rami contro le auto e lungo le strade. Ma sotto stretta osservazione sono finiti anche i fiumi, in particolare quelli dell’alta Emilia: i temporali e le intense piogge hanno innalzato pericolosamente i livelli del Taro, del Secchia e Nure, tra Piacenza, Parma, Reggio e Modena. Tutt’ora vige l’invito a non avvicinarsi agli argini, durante la notte la situazione si è però attenutata. Nel parmense le maggiori sofferenze sono state patite nei comuni dell’Alta Valtaro e della Valceno per via della piena in transito dei corsi d’acqua. Nel capoluogo di Bologna, una violenta bomba d’acqua ha causato allagamenti: decine gli interventi dei vigili del fuoco; in provincia il forte vento ha fatto cadere molti rami, per fortuna senza causare feriti. Per quanto riguarda la viabilità, ci sono stati disagi in tutta la regione: alberi e rami caduti per vento e pioggia hanno creato problemi. Sulla strada statale ‘dell’Abetone e del Brennero’, il traffico è rimasto bloccato per ore in provincia di Modena, proprio a causa di un tronco. Rallentamenti per rami o allagamenti sono stati segnalati sui tratti appenninici ‘della Cisa’ in provincia di Parma, della ‘Porrettana’ in provincia di Bologna e ‘della Val di Trebbia’ nel piacentino. Il traffico ferroviario ha visto ritardi e cancellazioni fino a sera lungo l’Alta velocità, in particolare la Milano-Bologna, dopo che quella direttrice nella mattinata aveva già visto l’autostrada A1 allagata e i veicoli scortati.

You might also like More from author

Comments are closed.