INCHIESTA PEOPLE MOVER: CORTE DEI CONTI ASSOLVE DELBONO E GIUNTA

Nessun danno erariale all’allora Atc, ora Tper. Dopo l’assoluzione in sede penale, si chiude con il proscioglimento degli imputati anche il processo contabile sulla vicenda del People mover, la monorotaia che colleghera’ la stazione ferroviaria di Bologna con l’aeroporto ‘Marconi’. I giudici della Corte dei Conti hanno infatti assolto in appello l’ex sindaco di Bologna Flavio Delbono, sette assessori della sua giunta e una dirigente comunale, che erano stati condannati in primo grado (lo scorso anno) a risarcire all’azienda di trasporto pubblico 1,5 milioni di euro, cifra pari a quella versata da Atc nel 2009 per il 25% di Marconi Express, la societa’ che doveva costruire e gestire il People mover. Il presunto danno derivava dalla decisione del Comune di autorizzare con delibera di giunta la propria controllata Atc al versamento di quella cifra. Il bando fu poi vinto dal Consorzio cooperative costruzioni. I togati, pur riconoscendo “la natura di capitale di rischio della partecipazione societaria”, affermano che proprio in quanto tale non si può dire che quel milione e mezzo costituisca un danno erariale. Si tratta infatti, si legge nella sentenza, di “un danno potenziale, ma non attuale”, dato che potrebbe rivelarsi in futuro pure vantaggiosa. In sede di processo contabile, sottolineano poi i giudici, “non è possibile sindacare le scelte discrezionali degli amministratori”.

You might also like More from author

Comments are closed.