INCENDI: TROPPO CALDO, PROROGATO LO STATO DI GRAVE PERICOLO

Proseguirà in Emilia-Romagna fino al 10 settembre lo stato di grave pericolosita’ per il rischio incendi nei boschi. La decisione e’ stata presa dalla Protezione civile regionale, vista la perdurante assenza di piogge e la siccita’: anche per i prossimi giorni infatti il meteo promette zero precipitazioni e alte temperature, con picchi fino a 38 gradi nelle città e nelle pianure della Valpadana. All’interno delle aree forestali rimane, dunque, in vigore il divieto assoluto di accendere fuochi o utilizzare strumenti che producano fiamme, scintille o braci; è proibita la pulizia dei pascoli e dei terreni mediante ‘abbruciamento’ delle stoppie. E resta in vigore l’inasprimento delle sanzioni per chi appicca incendi dolosi. Chi viola le prescrizioni o adotta comportamenti che possono innescare un incendio boschivo rischia multe fino a 10.000 euro. Sotto il profilo penale è prevista la reclusione da 4 a 10 anni, se l’incendio è provocato volontariamente; da 1 a 5 anni, se viene causato in maniera involontaria. Chi provoca un incendio può essere inoltre condannato al risarcimento dei danni. Dal primo luglio, nella sede dell’Agenzia regionale, tutti i giorni dalle 8 alle 20 è attiva la Sala Operativa Unificata Permanente. In orario notturno è attivato un servizio di reperibilità attivo per tutte le 24 ore. Squadre di vigili del fuoco, volontari di protezione civile e carabinieri monitorano il territorio in attività di prevenzione e spegnimento degli incendi.

You might also like More from author

Comments are closed.