IGOR: USATE 18 IDENTITA’ IN 8 PAESI. IN ITALIA DOPO PROCESSO SPAGNOLO

I mille volti di Norbert Feher, alias Igor Vaclavic ma chissà davvero quante altre identità. 18 ha confessato lui nell’interrogatorio davanti al giudice del tribunale di Alcaniz, utilizzate in 8 paesi diversi. L’udienza, durante la quale il killer ha risposto a molte domande, è durata oltre cinque ore. Quello che conta è che nel corso della convalida lo slavo ha riconosciuto l’identificazione come Norbert Feher, nato in Serbia nel 1981. Il giudice alla fine ha deciso di secretare gli atti sulle indagini per gli omicidi delle due guardie civili e di un allevatore poche ore prima della cattura, di cui Feher è accusato, insieme a due tentati omicidi il 5 dicembre scorso. Igor ha anche riferito di essere in Spagna da settembre, proprio come ipotizzato dagli investigatori iberici che lo piazzano nell’ultimo mese tra Valencia e la zona dell’Aragona in cui è stato arrestato, un’area in cui sono stati segnalati diversi furti in casolari agricoli, di prosciutti o altri generi alimentari. La Guardia Civil stava cercando una banda di romeni, ma il responsabile potrebbe essere lo stesso Feher. Durante l’interrogatorio è stato assistito da un avvocato di ufficio e ha fatto dichiarazioni in italiano con l’aiuto di un interprete: al giudice ha detto di voler accettare l’estradizione in Italia. Un’ottima notizia anche se, secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani, l’eventuale consegna avverrà dopo i processi per i tre omicidi del 14 dicembre.

You might also like More from author

Comments are closed.