EXPORT, UNIONCAMERE: TORNA A GALOPPARE L’E-R

E

Dopo il rallentamento nel secondo trimestre 2017, tornano a crescere le esportazioni della nostra regione anche se meno rispetto alla media nazionale. Negli ultimi tre mesi dell’anno che si è appena concluso, le vendite all’estero targate Emilia-Romagna segnano infatti +5%. Lo rileva Unioncamere sulla base dei dati Istat. Nei primi nove mesi dell’anno l’Emilia-Romagna si conferma la terza regione per quota di export nazionale (13,4%), preceduta dalla Lombardia e dal Veneto. L’andamento si differenzia settore per settore. I contributi alla crescita derivano dall’aumento, superiore alla media regionale, delle vendite di macchinari e apparecchiature meccaniche ma anche dagli incrementi dell’export dell’industria metallurgica e della lavorazioni dei metalli, delle industrie chimica, farmaceutica, della gomma e delle materie plastiche e delle apparecchiature elettriche, elettroniche, ottiche e medicali. Al contrario, mostrano un limitato export sia i prodotti dell’agricoltura e pesca sia il settore dei mezzi di trasporto. In generale, nel terzo trimestre l’andamento dell’Emilia-Romagna si e’ fondato nei mercati europei, grazie al trend in doppia cifra nel mercato francese che ha compensato i risultati in quello tedesco (comunque in aumento). La crescita appare forte, inoltre, nel mercato turco e in quello russo. Le esportazioni hanno beneficiato inoltre dell’accelerazione della crescita asiatica, favorita dalla ripresa del mercato cinese, mentre gli Usa non vanno oltre un +1,6%.

You might also like More from author

Comments are closed.