ECONOMIA, UNIONCAMERE: CONTINUA IL CALO DELLE IMPRESE, SOFFRE IL COMMERCIO

Continua il calo delle imprese, ma meno rispetto agli ultimi anni. Assomiglia più che altro a una consolazione la conclusione dello studio condotto da Unioncamere sulla base imprenditoriale dell’Emilia-Romagna. A fine 2017 le imprese registrate sono risultate 456.929, lo 0,7% in meno rispetto ai 12 mesi precedenti. Si tratta della più ampia flessione dal 2014, anche se nettamente inferiore a quelle subite in precedenza. A livello nazionale la tendenza è risultata invece positiva, seppur di un misero 0,3%. Nel complesso del 2017, in ambito Emilia-Romagna, le iscrizioni di nuove attività nei registri delle camere di commercio sono lievemente diminuite rispetto all’anno precedente e il dato costituisce il nuovo minimo degli ultimi dieci anni. Le cessazioni sono state sostanzialmente invariate rispetto al 2016 e risultano da tre anni sui livelli minimi rispetto all’ultimo decennio. A livello macro settori, la base imprenditoriale regionale dell’agricoltura, delle costruzioni e dell’industria continua a restringersi, mentre quella dell’aggregato dei servizi resta sostanzialmente invariata. Il commercio è il comparto che soffre maggiormente. Al contrario, spicca invece la rapidità della crescita delle attive nella sanità e assistenza sociale, e dell’istruzione, ambiti nei quali il settore pubblico ha lasciato ampi spazi all’imprenditoria privata.

You might also like More from author

Comments are closed.