ECONOMIA: L’INDUSTRIA DELLA NOSTRA REGIONE CRESCE, MA UN PO’ MENO

La crescita continua, nonostante sia più attenuata rispetto ai mesi precedenti. Si è parlato dello stato di salute dell’economia della nostra regione alla presentazione dall’indagine congiunturale relativa al secondo trimestre di quest’anno, realizzata da Unioncamere, Confindustria Emilia-Romagna e Intesa Sanpaolo. In base allo studio, il fatturato è aumentato del 2,5% – in lieve calo rispetto al +2,8% dei tre mesi precedente – mentre le acquisizioni di ordini hanno mostrato un aumento dell’1,8%, anche in questo caso in frenata. A determinare il ritmo di crescita due settori in particolare: l’aggregato delle industrie meccaniche, elettriche, mezzi di trasporto che ha registrato un aumento del fatturato del 3,6%, e l’industria metallurgica e delle lavorazioni metalliche che ha segnato un segno più del 3,9%. A fine giugno le imprese dell’industria erano 45.110 con una diminuzione dello 0,6% rispetto all’anno precedente. Quanto all’occupazione, questa è giunta a quota 554.000 unità, con una crescita dell’8,4% in un anno. Per quanto riguarda le esportazioni, l’industria manifatturiera ha fatto segnare un aumento del 5,2%. Sul fronte del credito, nella prima metà del 2018 i prestiti alle imprese dell’industria sono cresciuti del 5% sull’anno precedente, in misura maggiore quindi rispetto a quelli alle famiglie. “A numeri ancora nel complesso positivi – avverte Unioncamere – si affiancano segnali che invitano alla cautela, dovuti sia al rallentamento del contesto internazionale che all’incertezza del quadro nazionale”. Chiaro il riferimento al Def e alle reazioni delle borse.

You might also like More from author

Comments are closed.