ECONOMIA: CRESCE IL PIL DELL’E-R, FRENATA ATTESA NEL 2019

Il Pil dell’Emilia-Romagna continua a crescere, anche se si addensa qualche nube all’orizzonte. E’ la conclusione a cui giunge Unioncamere, nella presentazione del consueto dossier sugli scenari economici della nostra regione. A fine 2018 il segno più sarà dell’1,4, mentre il 2019 vedrà un +1,2%. L’Emilia-Romagna si mantiene comunque al vertice per capacita’ di crescita, sia nel 2018, insieme con il Friuli Venezia Giulia, sia per il 2019, con il Veneto. Il ritmo di sviluppo si allinea ancora una volta a quello della Francia per l’anno in corso. La tendenza regionale per quest’anno e’ determinata dal ciclo positivo degli investimenti, quindi dalle esportazioni, mentre e’ lievemente piu’ contenuta la crescita dei consumi. Per il 2019 il rallentamento verra’ soprattutto dalla minore dinamica degli investimenti a fronte di una lieve accelerazione dei consumi e delle esportazioni. La ripresa e’ diffusa in tutti i settori, rallenta nell’industria, si consolida nelle costruzioni, mentre e’ costante nei servizi. Quanto al mercato del lavoro in Emilia-Romagna, nel biennio preso in esame, la crescita degli occupati (+1,1 e +0,6% rispettivamente) “supera quella delle forze lavoro e questa e’ piu’ elevata di quella della popolazione. Ne risulta un lieve aumento del tasso di attivita’ e del tasso di occupazione, che salira’ al 45,2% nel 2019”. Ottimi segnali, anche se la riduzione della disoccupazione”risultera’ piu’ graduale il prossimo anno, quando si attesterà al 5,7%.

You might also like More from author

Comments are closed.