ECONOMIA, BANKITALIA: E-R TORNATA AI LIVELLI PRE-CRISI

E’ ufficiale: l’Emilia-Romagna non soltanto è fuori dalla crisi ma ha pure recuperato i livelli economici pre-2008. Lo certifica Bankitalia, nel suo report annuale riferito al 2017: in cifre, il Pil è cresciuto dell’1,7%, due decimali sopra quello italiano. Anche i consumi sono tornati a crescere, piu’ del reddito, e la ricchezza netta si e’ stabilizzata ed e’ distribuita meglio che in Italia. Stando al rapporto, il 2017 per l’Emilia-Romagna e’ stato l’anno migliore degli ultimi 10 e la tendenza proseguirà anche in questi 12 mesi, grazie in particolare – dice banca d’Italia – alla crescita robusta degli investimenti e alle esportazioni. Per la prima voce l’aumento è stato vicino al 10% ossia piu’ del doppio della media nazionale. Anche le esportazioni hanno ripreso vigore e segnano quasi un +7%. L’Emilia-Romagna, terza per export dopo Lombardia e Veneto, manda all’estero, da sola, lo stesso livello di produzione – per dire – di Finlandia e Portogallo. E nel 2018 potrebbe andare anche meglio: già nel primo trimestre la nostra regione si è piazzata seconda per volumi in Italia, scavalcando il Veneto. Scorrendo il dossier, secondo Bankitalia gli effetti della ripresa riscontrano nel mercato del lavoro, dove la disoccupazione si riduce al 6,5% ma rimane ancora alta tra i giovani, oltre il 12%, seppur inferiore al resto del Paese. La buona notizia è che aumentano i lavoratori dipendenti, segno che le imprese investono sul capitale umano. Sul fronte finanziario, diminuisce il peso del debito per le nostre imprese, come pure il livello dei cosiddetti prestiti deteriorati. Ma dal lato del credito ci sono ancora ombre: nonostante i tassi molto vantaggiosi, le piccole imprese hanno ancora difficoltà di accesso. Scrutando i settori, bene la meccanica e le grandi imprese. Le costruzioni invece appaiono “appena uscite dalla crisi”, quindi ancora deboli, mentre l’immobiliare migliora anche se i prezzi del residenziale sono piatti. Cresce il trasporto merci, come pure il turismo, con una spesa degli stranieri in Emilia-Romagna che pesa 1,8 miliardi di euro.

You might also like More from author

Comments are closed.