CRAC PARMA CALCIO: AVVISO FINE INDAGINE PER 25 EX VERTICI

coreografia tifosi Parma
Parma 11-04-2015 Stadio Tardini, Football Calcio Serie A Parma – Juventus Foto Image Sport / Insidefoto

Fallimento del Parma Calcio: per il crac del marzo 2015, la procura parmigiana ha chiuso l’inchiesta a carico di 25 persone, tra cui l’ex presidente Tommaso Ghirardi e l’ex ad Pietro Leonardi. Ancora nessun rinvio a giudizio, ma l’atto firmato dal Pm Paola Dal Monte ne è solitamente un preludio. Le accuse sono pesanti: concorso in bancarotta fraudolenta aggravata, accesso abusivo al credito, truffa, bancarotta documentale. Nel mirino degli inquirenti le falsificazioni dei bilanci della società per gli anni che vanno dal 2010 al 2014. Il vortice giudiziario investe i due ex vertici della società emiliana e gli ex membri del Cda e del collegio sindacale in carica all’epoca. Secondo la Procura gli indagati hanno provocato o comunque aggravato il dissesto della società falsificandone i conti. Si parla di omissioni di costi nell’esercizio per fornire una falsa rappresentazione della situazione patrimoniale ed economica. Ma anche di fatti materiali non veri. E di omissioni di comunicazioni imposte dalla legge. Compravendite dei giocatori sarebbero state poi esposte a valori di gran lunga superiori a quelli di mercato, con la conseguenza di ottenere plusvalenze in bilancio ma senza che ce ne fosse traccia nelle casse: tra queste, la cessione di Parolo alla Lazio e quella di Paletta al Milan. All’indice della procura, infine, la cessione del marchio Parma Fc, avvenuta nel 2013.

You might also like More from author

Comments are closed.