CASO MIGRANTI A CODIGORO, IL SINDACO: PRIME RINUNCE A OSPITARE

Torna agli onori delle cronache, dopo esserne balzata forse inaspettatamente dieci giorni fa per quella scelta – carica di polemiche, poi stralciata – di alzare le tasse comunali a chi ospita migranti. Il Sindaco di Codigoro, Alice Zanardi, torna a rivendicare le sue decisioni e annuncia, via Facebook, che due cittadini hanno rinunciato all’accoglienza presso case di loro proprietà, dopo l’approvazione – questa, sì, rimasta – di maggiori controlli nelle strutture di chi si appresta a ospitare migranti. Nel suo lungo post sulla piattaforma social, il primo cittadino spiega che “i controlli d’ufficio sono già terminati e a breve si effettueranno i sopralluoghi”, e poi il punto d’onore: “la mia azione in questo senso – rivendica la Zanardi – ha già portato due privati cittadini del Comune a cambiare idea”. Il sindaco si rivolge quindi ai suoi concittadini: “Io vengo dal mondo del volontariato e dell’associazionismo, i miei valori sono da sempre quelli della sinistra, quelli del rispetto e della solidarietà e niente, credetemi, mi è più estraneo ed odioso della parola ‘razzismo’.” La Zanardi spiega allora che la sua battaglia è contro il mancato rispetto delle quote fissate dall’Anci per il suo Comune: “ben oltre le percentuali previste”, specifica. Il primo cittadino se la prende infine con il suo vice-sindaco, Marco Finotti, reo di aver sconfessato la linea dell’amministrazione dopo averla votata in Giunta.

You might also like More from author

Comments are closed.