CASO CIVIS: EX VERTICI ATC ASSOLTI DA CORTE DEI CONTI

Croci, anziché delizie, per le amministrazioni bolognesi negli anni passati. Ora arriva una specie di rivincita. Dopo l’assoluzione dell’ex Giunta Delbono per la vicenda della monorotaia utile al collegamento tra la stazione di Bologna e l’aeroporto Marconi, sotto le due torri è arrivata un’altra sentenza assolutoria da parte dei giudici contabili per l’ipotesi, anche questa volta, di danno erariale: si tratta del caso Civis, il tram su gomma a guida ottica mai entrato in funzione, che vedeva a giudizio l’ex presidente di Atc Maurizio Agostini e due ex consiglieri di quella che all’epoca era la società di trasporti pubblici, Claudio Comani e Paolo Vestrucci, a cui la Procura regionale chiedeva conto del danno da mancata realizzazione, quantificato in 98 milioni di euro, equivalente all’ammontare dei pagamenti fatti nel 2005 da Atc-Tper all’associazione temporanea d’impresa. Richiesta di risarcimento che è stata rigettata dai togati a carico degli imputati, prosciolti anche nel processo penale (come d’altronde Delbono e Giunta per il People Mover). Unico condannato, in primo grado dalla Corte dei Conti, era stato un altro ex presidente Atc, Francesco Sutti, ad un risarcimento ridotto a 450mila euro. Vicenda questa che ha visto coinvolto anche l’ex sindaco Giorgio Guazzaloca, nel frattempo deceduto e quindi non più imputabile.

You might also like More from author

Comments are closed.