BUDRIO (BOLOGNA): TROVATO IN UN CANALE IL CORPO DEL 13ENNE SCOMPARSO

Gli inquirenti ne sono sempre più certi: sarebbe stata proprio una caduta accidentale nel Canale emiliano-romagnolo la causa della morte di Hossain Sanad Chowdhury, 13enne del Bangladesh, scomparso da giovedì da Budrio – dove viveva con la famiglia – e trovato senza vita ieri mattina nelle acque del Cer a Villa Fontana di Medicina, a circa 3 km dal punto in cui due giorni prima, vicino all’argine, erano stati ritrovati bici e zainetto. Proprio il loro rinvenimento aveva fatto temere il peggio: i sommozzatori dei vigili del fuoco hanno scandagliato il fondo del canale tra lì e la chiusa, anche con l’aiuto di un robot subacqueo, fino al ritrovamento del corpo del piccolo Hossain Sanad. “Ad un primo esame la salma non presenta alcun segno particolare”, hanno fatto sapere i carabinieri. Serviranno però esami più approfonditi. Il ragazzino era uscito da casa intorno alle ore 18 di giovedì in bicicletta per recarsi in un grande magazzino ad acquistare un videogioco, ma non era più rientrato. In serata la madre aveva dato l’allarme ed erano scattate le ricerche. L’ipotesi ritenuta fin dall’inizio più probabile era che Sanad fosse scivolato, non riuscendo poi a risalire. Difficile l’altra ipotesi, quella di un’immersione volontaria magari per rinfrescarsi, perché Sanad aveva paura dell’acqua e non sapeva nuotare. Il canale è purtroppo noto per la sua pericolosità: gli argini sono molto ripidi e senza appigli. Già in passato ci sono state vittime.

You might also like More from author

Comments are closed.