BOLOGNA, AGGREDITA TROUPE DI “STRISCIA”: IMMORTALATA VENDITA DI DROGA E ARMI

Non è la prima volta che Striscia la Notizia gira per Bologna: ieri vi abbiamo raccontato gli avvisi di fine indagine per i furbetti del cartellino all’Istituto beni culturali dell’Emilia-Romagna, vicenda sollevata proprio da un’inchiesta del tg satirico; poi in piazza verdi per le vendite abusive di birra; l’ultima è di ieri sera quando andato in onda il viaggio dell’inviato Vittorio Brumotti nel mondo dello spaccio in Montagnola, da sempre piazza della microcriminalità straniera ma non solo. Droga, nel caso cocaina, ma anche armi: la telecamera nascosta di quelli di striscia immortala un viaggio notturno in quello che sembra un mondo a parte rispetto al resto della città. La puntata di Striscia ha avuto una grande eco: già ieri mattina la notizia che la troupe era stata aggredita la notte prima ed erano state rubate telecamere, a farne le spese anche un passante intervenuto in soccorso. Tutto nato quando Brumotti, dopo aver contrattato un po’ con gli spacciatori, tira fuori un megafono e rivela le sue intenzioni: ne nasce un parapiglia. In breve tempo arriva una pattuglia dei carabinieri che fa scattare una retata contro lo spaccio: in 5 vengono arrestati; la mattina successiva, quella di ieri, vengono intercettati altri due, sospettati di essere tra gli autori dell’aggressione a Striscia. Poi in serata è andato in onda il servizio, non un bello spettacolo per Bologna.

You might also like More from author

Comments are closed.