ARTIGIANATO, UNIONCAMERE: IL 2017 SI E’ CHIUSO CON UN AUMENTO DEL VOLUME D’AFFARI

Dopo quelli relativi al commercio, la seconda parte del 2017 regala segnali incoraggianti anche per l’artigianato emiliano-romagnolo: a dirlo è Unioncamere che conferma per il periodo la congiuntura positiva, trainata dal mercato interno, anche se con elementi di incertezza sul fronte di quello estero. Con numeri che non si vedevano da 10 anni. Nel dettaglio, il fatturato complessivo è aumentato dell’1,7%. Si conferma pure la tendenza positiva della produzione, che aumenta di quasi due punti percentuali. L’andamento degli ordini ha mostrato un rallentamento (pur rimanendo in campo positivo), che costituisce un segno di incertezza per il futuro, sul quale ha gravato la netta inversione di tendenza di quelli esteri. Continua peraltro l’emorragia delle imprese artigiane attive nell’industria, che a fine settembre hanno mostrato una flessione dell’1,5%, comunque inferiore rispetto alla media nazionale. Il calo è risultato più rapido nell’industria della ceramica, del vetro e dei materiali edili, in quella del legno e del mobile e nell’industria metallurgica. Per quanto riguarda l’artigianato delle costruzioni, si è rafforzata la crescita del volume d’affari, nonostante a fine settembre il numero di imprese attive sia risultato in diminuzione del 2%.

You might also like More from author

Comments are closed.